FacebookTwitterGoogle+Google GmailShare

 

Rock_n_Roll_Jesus_Christ

 

NATALE IN CASA FOSCHI


Editoriale del 22 dicembre 2014

Potete metterla come vi pare, ma Natale, Capodanno ed Epifania sono proprio feste schife. Qualche giorno fa ho intervistato via Skype padre Galdi e padre Bustos da Gerusalemme e Betlemme. I cristiani laggiù son rimasti come dio li ha fatti, cioè una minoranza che fra qualche tempo diventerà formalmente discriminata visto che quello yankee del premier israeliano Netanyahu ha deciso di proclamare Israele “Nazione per gli ebrei”, e gli altri, pertanto, se la prendono in saccoccia come casta inferiore. Naturalmente palestinesi e sionisti si scannano, poi fuori, in Iraq e Siria, i cristiani se la vedono con i mozzacapocchia dello Stato Islamico. Sono genti che conoscono la polvere e la migrazione e la miseria e una metafisica che non è un arnese da cucina ma un grumo d’esistenza disperata e a suo modo poderosa che gli abita le viscere. Gente cazzuta, anche per questo. Che la morte la toccano e la conoscono, mica come noi che ne abbiamo fatto un feticcio del buio siderale. E scordatevi alberelli, babbinatale, presepi, regali, masse di infoiati per le strade, le abboffate e le tombole. In Palestina il Natale è il Te Deum cantato per le strade di Betlemme e file di credenti illuminati dalle fiaccole e poche famiglie che si vanno a trovare, il tè e il sapore pieno degli ultimi, giusti come un dolce di pane. Ecco perché il Natale e compagnia bella li trovo barbosi e stronzi gingilli manomessi dal peggior capitalismo. Io il Natale lo farei con padre Galdi e padre Bustos, a sgranare mandorle e bere vino o che so io. Farò qualcosa di simile. Il 25 parto per Istanbul. Poi giù, giù, giù che a me le frontiere mi mandando in solluchero proprio. Me ne sto un po’ con i migliori: guerriglieri, profughi, paeselli calpestati, bambini dalle unghie luride eccetera. La solita roba. Certo che me la spasso e che sono ganzo e tutto il resto, ma in fondo i reporter di guerra sono rock star tristi che suonano per un’ immensa platea muta. Però passano roba tosta, che a Gesù sarebbe piaciuta e lo avrebbe fatto molto incazzare. Cioè, sicuro che fra me e uno che fa la fila al centro commerciale Gesù 9 su 10 la birra se la fa con me. Meglio, con quelli che vado a trovare. Treeee e quaaattroo….

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

Dire Straits – Where You Think You Going

FacebookTwitterGoogle+Google GmailShare

Inviate il vostro "attimo" al filmnauta Gianni Stocchino (gianni.stocchino@aristan.it)


Archivio Editoriali

  • powered by TinyLetter

    IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA

    testo - lyric

    MASTER DI REGALITÀ INDIVIDUALE - VIDEO


    MASTER

    MASTER DI REGALITÀ INDIVIDUALE - FOTO


    1897964_643529669016138_1762369566_n

    FOTO REINCARNAZIONI - DICEMBRE 2012
  • SCENDI

    LA HOME DI ARISTAN È LUNGA


    TROVERAI
    Le lezioni di questi giorni
    Le foto delle ultime lezioni
    La photogallery generale
    L’illustrazione del giorno
    L’editoriale del giorno
    Il microfilm del giorno
    Il videoclip dei docenti
    Le coordinate per le iscrizioni


    ULTIME RECENSIONI

    Reincarnazioni







    Università di Aristan

     








     

    Fai a te stesso e a una persona che ami
    il regalo più bello del mondo
    ISCRIVITI E ISCRIVILA
    A SCIENZE DELLA FELICITÀ

    TASSA D’ISCRIZIONE ANNUALE

    Ordinaria: € 190 – Giovani (26 anni): € 140 – Ragazzi (20 anni): € 90

    Coppie di diritto o di fatto: tassa unica di iscrizione € 290 (invece che € 190 + 190)

    (Alle coppie che avessero già versato la quota di iscrizione ordinaria verrà restituita la parte non dovuta)

    Conoscerai i diritti e le agevolazioni per chi si iscrive

    PER ULTERIORI INFORMAZIONI

    Tel. 380/4670350
    Email: amministrazione@aristan.it

    DIVENTA NOSTRO COMPLICE.
    POTRAI CONSEGUIRE LA LAUREA ILLEGALE PIÙ
    STRAORDINARIA DEL PIANETA.

    FacebookTwitterGoogle+Google GmailShare