UN BEL DUELLO DI CALCINCULO


Editoriale del 12 ottobre 2020

Metto subito una cosa in chiaro: il 20 luglio del 2021 compirò settanta anni e non mi importa un fico secco che si sappia. Adesso, fugati eventuali dubbi di conflitto d’interessi, posso affermare serenamente che la ghettizzazione anagrafica, pur essendo da sempre subdolamente attiva, con l’inizio della pandemia, è stata rilanciata al massimo grado. Se è vero infatti che a causa del COVID è stato indispensabile precisare le fasce di età a rischio, è anche vero che questa necessità ha favorito uno dei più grandi obiettivi che molti poteri economici e politici, da sempre, perseguono: inquadrare e discriminare gli umani in precise categorie di consumatori, di sudditi e di rottami, ma soprattutto esorcizzare con etichette banalizzanti le voci di quelli che in queste categorie non possono essere inquadrati perché inguaribilmente vivi e liberi. Cito un recentissimo esempio per tutti: da qualche tempo chiunque finisca sui giornali, anche se soltanto perché ha trovato un fungo da due chili, deve – ripeto DEVE – trovare accanto al suo nome, tra parentesi, la sua età. I giornali dovrebbero diffondere notizie e l’età di una persona, se non è in qualche modo indispensabile per comprendere la notizia stessa, diventa pettegolezzo strumentale. Ebbene so di chi, rifiutandosi (per una questione di principio) di dichiarare la sua età, ha fatto saltare il suo qualificato parere in un articolo. Maledette, mefitiche, ipocrite etichette.
Ricordo che quando ero ragazzo, disgustato dalla imperante retorica del giovanilismo, sfidai pubblicamente a un duello di calcinculo un pseudointellettuale che, in un dibattito, si ostinava a definirmi paternalisticamente “giovane”. Ebbene ancora oggi, dopo una cinquantina d’anni, sarei disposto a lanciare la stessa sfida al primo trentenne che tentasse di disinnescarmi in quanto “vecchio”. Un bel duello di calcinculo e vada come vada!

Filippo Martinez (Antietichettista)

«Ebbene ancora oggi, dopo una cinquantina d’anni, sarei disposto a lanciare la stessa sfida al primo trentenne che tentasse di disinnescarmi in quanto ‘vecchio’.»
Da UN BEL DUELLO DI CALCINCULO – Editoriale di Filippo Martinez (Antietichettista)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA