BENEDIZIONE


Editoriale del 02 gennaio 2016

balla di fieno

Cosa accade ai confini dell’impero lo racconta Kent Haruf in Benedizione (NNEditore, 2013). A Dad, proprietario di una ferramenta nel piccolo paese di Holt, Colorado, rimane poco più di un mese di vita. Un cancro lo divora mentre l’estate passa con il mutare vasto della luce o con un temporale. Intorno ai suoi ultimi giorni e al suo caratteraccio stoico (Eastwood, forza, è un altro Oscar) gravitano le storie di Mary e Lorraine, moglie e figlia. Di Frank, che non torna, ma emerge dal passato o in forma di allucinazione. Di Berta May e delle Johnson, la gloria candida delle donne. Del reverendo Lyle, che osa porgere l’altra guancia e per questo è cacciato e crocifisso da moglie e fedeli. È un momento imprecisato nel dopo 2001-2003, Afghanistan e Iraq. Non si scherza con la nazione. Vi vengono in mente Faulkner, Steinbeck, Hemingway e McCarthy, tutti per ragioni diverse. O forse per una soltanto. Williams in Butcher’s Crossing. Il pauperismo stilistico di Haruf sembra la forma stessa dell’America, onesta, bigotta, feroce, tragica, viva nei borghi e salva negli sterminati campi di grano. Benedizione è un coro minimo, la salvezza nelle pedalate della piccola Alice. Vi trascina fino all’alba. Per fortuna è solo uno dei tre romanzi che compongono la Trilogia di Holt.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)


Cosa accade ai confini dell’impero lo racconta Kent Haruf in Benedizione (da BENEDIZIONE editoriale di Luca Foschi)
Che Dio vi benedica – da I Love Radio Rock (2009) scritto e diretto da Richard Curtis, interpretato da Philip Seymour Hoffman

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA