BIMBI DA BUTTARE


Editoriale del 24 agosto 2012

Nel parcheggio di un Mac Donald’s sulla Statale di Porto San Giorgio, nelle Marche, è stato abbandonato un bambino di circa sei-sette anni. Sicuramente cinese, ha handicap uditivi, visivi e vocali. Pronuncia in perfetto italiano almeno tre parole: babbo, mamma, acqua. Il che fa pensare che possa aver vissuto abbastanza a lungo con una famiglia italiana. Piange e non può essere di alcun aiuto per rintracciare i suoi “genitori”. Che l’hanno scaricato – come mostrano le immagini di una telecamera – in tutta fretta e senza voltarsi indietro. Le indagini per risalire a una famiglia, ma forse il termine è improprio, sono a punto morto. Che dire di essere umani che buttano un bambino come fosse immondezza? Spaventa l’idea di convivere con persone così, d’essere fatti di carne e sangue come loro.

Giorgio Pisano

COGLI L’ATTIMO

 

da Senza famiglia nullatenenti cercano affetto (1972), un film di Vittorio Gassman, con Vittorio Gassman, Paolo Villaggio

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA