UN CIRCO IN PARADISO


Editoriale del 30 dicembre 2012

Quando ci si mette, l’Accademico Filippo Martinez sa essere davvero ingombrante. Per affrescare la volta della 5° sala con scene di “Un circo in Paradiso” ha messo in subbuglio mezzo archivio. Aiutato dalle tre deliziose Ancelle dell’Oblio, che ha preteso come sue assistenti, ha rimosso gli arredi e i documenti della sala per spostarli disordinatamente nelle sale vicine. Così ho dovuto lavorare alcuni giorni per mettere ordine tra i preziosi reperti accatastati senza cura. Visionando, selezionando, impilando amorevolmente gli antichi documenti, sono venute alla luce ben diciotto memorie dimenticate, di cui cinque ancora sigillate. Una scoperta eccezionale!
Senza quella confusa rimozione, senza quella forzata revisione, i documenti sarebbero stati dimenticati. C’era da dire grazie all’Accademico Martinez, ma non lo feci: non volevo dargli soddisfazione.
Curioso di sapere come procedevano i lavori nella 5° sala, aspettai la sera, e quando Filippo e le sue assistenti avevano lasciato l’Archivio, andai a vedere l’affresco che sapevo quasi completato. Un circo in paradiso era un grandioso turbinio di figure in movimento, in un meraviglioso disordine dove ogni personaggio era perfettamente al suo posto.

Carlo M.G. Pettinau

(Archivista dell’Oblio)

COGLI L’ATTIMO

 

da I clowns (1970) di Federico Fellini. Con Anita Ekberg, Riccardo Billi, Liana Orfei, Tino Scotti, Fanfulla

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA