PER UN COCCODRILLO POPULISTA


Editoriale del 17 settembre 2018

Una cultura davvero libera produrrebbe necrologi come si deve. È morto Tizio? Mi ha ciulato la moglie, lo avrei sbudellato, ma che liberazione, grazie. È schiattato Caio? Oggi si prosciugano gli oceani e collassa il cielo, buon viaggio nel nulla. Foschi l’ha fatta finita? Un imbecille integrale! Avaro, bugiardo, prepotente, gli puzzava il fiato, peccato possa morire solo una volta! Eccetera. Sai che spasso, la crisi epocale dell’editoria ribaltata in un minuto. Invece no, tutti pastrocchi addolorati e burocratici. O il silenzio e la censura. È evidente che la melassa della sacralità inzuppa ancora la morte e se ne infischia della vita. Dio è ancora in splendida salute, contrariamente a quanto scrisse Nietzsche, quell’onanista. Avesse goduto di più non ci avrebbe maledetto con tanta verità.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

Una cultura davvero libera produrrebbe necrologi come si deve. (da PER UN COCCODRILLO POPULISTA – Editoriale di Luca Foschi)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA