EDITORIALI CON NOME E COGNOME


editoriale del 22 febbraio 2012

C’è stato chi ha chiesto di poter scrivere editoriali disobbedendo ad una sola indicazione: benissimo la lunghezza (ottocento battute circa), benissimo i temi da affrontare ma la firma no. Gli editoriali non possono non avere un autore. Le rarissime volte in cui compaiono anonimi sui giornali è solo perché, per tradizione, sono riconducibili personalmente al direttore. Dunque è come se avessero dietro un nome e un cognome. Al di là della tradizione c’è tuttavia un’altra ragione che impone la firma: le idee non possono essere pizzinni rigorosamente anonimi, le proposte o le provocazioni devono avere un padre. Altrimenti il confronto è tra muretti a secco.

Giorgio Pisano

COGLI L’ATTIMO

da Che cosa sono le nuvole, (1967) di Pierpaolo Pasolini,
terzo episodio del film Capriccio all’italiana.
Con Totò, Domenico Modugno, Ninetto davoli, Franco Franchi
(scelto da Maria Vittoria)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA