FELICITA’


editoriale dell'8 marzo 2012

Trecento matricole che credono nella ricerca della felicità già in questa vita, e nell’altra poi si vedrà.
Centocinquanta matricole che si aggregano all’ultimo momento, scombinando allegramente tutta la logistica.
Trenta e più matricole residenti “in penisola”, consapevoli e noncuranti del fatto che tra loro e Aristan c’è di mezzo il mare.
Lo sguardo innocente, furbetto, allegro e sornione di Filippo Martinez.
I suoni, i colori, le voci, i ritmi, le risate, gli abbracci, l’energia, l’incredulità, la passione, lo stupore dell’inaugurazione, un evento così straordinario che neanche chi c’era lo può raccontare.
Gli occhi allegri e sorpresi dei tamburini sardi, quando hanno suonato per il bis.
Un tappeto di piccoli fiori gialli sul basalto di Tharros.
La musica delle pietre di San Sperade, a cui Pinuccio Sciola ha dato il suono e un’anima.
Un frastimmo ben piazzato, ogni tanto, perché quando ci vuole ci vuole.
I mille tenui colori dei ciottoli di Is Arutas.
Le scintille, gli attimi, i respiri, i lampi di chi ha capito che la felicità è un istante, e starci dentro a pieno è già sfiorare la felicità.

Felicita Mosso

COGLI L’ATTIMO

da Casablanca (1942) diretto da Michael Curtiz
con Humphrey Bogart, Ingrid Bergman

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA