IL COVID E LE BOTTEGHE SOTTO CASA


Editoriale dell'11 febbraio 2021

La pandemia di COVID-19, con le restrizioni imposte ai movimenti delle persone, ha dato nuova linfa alle piccole botteghe di quartiere, troppo a lungo penalizzate dallo strapotere dei centri commerciali. Sotto casa mia sopravvive da mezzo secolo un negozietto di generi alimentari. Il vecchio Gigi osserva incredulo la folla dei clienti che aspettano il loro turno per entrare. Cerca di stare al passo con le loro inquietudini. Per informarli che vende frutta non trattata con pesticidi espone cartelli come questo: “Arance S.A.L., Sole, Acqua e Letame”. In un vecchio forno poco distante Marietto, il panettiere, ha deciso anche lui di adeguarsi al salutismo dei nuovi arrivati. L’ho provato una sera a cena quel miracoloso pane multi-semi al beta-carotene che sforna da poco, secondo lui aiuta a prevenire il COVID. Sarà un caso, ma il mattino dopo non riuscivo a svegliarmi. Mia moglie mi ha dovuto prendere a schiaffi e mi ha infilato ripetutamente la testa sotto il rubinetto dell’acqua fredda. Pare che Marietto faccia largo uso di tranquillanti.

Marco Schintu (Ufficio pesi e misure di Aristan)

“Sotto casa mia sopravvive da mezzo secolo un negozietto di generi alimentari. Il vecchio Gigi osserva incredulo la folla dei clienti che aspettano il loro turno per entrare.”
Da IL COVID E LE BOTTEGHE SOTTO CASA – Editoriale di Marco Schintu (Ufficio pesi e misure di Aristan)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA