IL DIAVOLO NON VESTE MARIOLINA


Editoriale del 26 ottobre 2020

Venerdì scorso ho ricevuto l’invito ufficiale per il Paris Fashion Week 2022, una vera sorpresa, la mia ultima sfilata infatti è stata nel lontano 2001, a Palazzo Pitti, e fu fischiata sonoramente. Quei fischi, posso dirlo in tutta sincerità, non mi stupirono e non mi ferirono. Gli abiti che realizzo, infatti, non raccontano la mia fantasia, la mia originalità, la mia audacia espressiva; semplicemente vestono degli individui. Io parto da chi dovrà sfilare, non dai giochi della mia mente. Il mio piacere non è vestire gli asettici alieni filiformi che di solito sfilano in passerella, ma esseri umani vivi. Non bado mai all’età o alla taglia, non mi faccio condizionare dagli stereotipi della bellezza o della bruttezza, scelgo solo donne e uomini che mi ispirano. Non voglio imporre un mio stile, un mio marchio, desidero solo che quelli che sfilano possano sentirsi bene. Per riuscirci studio a fondo il loro modo di camminare, di gestire le mani, di muovere il capo; gioco col colore dei loro occhi, dei capelli, della pelle. Seleziono le stoffe adeguate, calibro il taglio di ogni indumento, curo maniacalmente ogni particolare. Il risultato è che nelle mie sfilate nessuno fa caso agli abiti ma tutti trovano stupendi quelli che li indossano. Una giornalista di moda che ancora oggi scrive per una autorevole rivista francese, dopo la sfilata di Palazzo Pitti mi disse: “I tuoi abiti sono assolutamente insignificanti ma hai scelto modelle e modelli bellissimi, straordinari. Si capisce che sei un regista, ma devi lasciar perdere la moda. Non fa per te.”
Bè… aveva ragione, la moda non fa per me. Infatti i miei abiti non sono per la moda, sono per Salvatore, per Alphonsine, per Sasha, per Mariolina, per Bob, per Antonio, per Ikemoto…
Chissà come mai, dopo tanto tempo, mi hanno invitato a Parigi?
È possibile che sia stata quella giornalista a ispirare gli organizzatori. Forse ha finalmente capito il mio gioco. Forse sta per chiamarmi, proponendosi come modella…

Filippo Martinez (Stilista)

“Il mio piacere non è vestire gli asettici alieni filiformi che di solito sfilano in passerella, ma esseri umani vivi.”
Da IL DIAVOLO NON VESTE MARIOLINA – Editoriale di Filippo Martinez (Stilista)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA