UN INVERNO RIGIDO


Editoriale del 18 aprile 2019

L’ultimo inverno è stato particolarmente rigido, ha seccato tutti i fiori e le piante che avevo amorevolmente messo a dimora lo scorso anno tra primavera e autunno. È sconfortante. Dell’ibisco -ammesso che si trattasse di un ibisco- non resta che uno stelo inaridito. Meglio rassegnarsi. Per sistemare il giardino c’è bisogno di gente esperta, non di dilettanti. Ho chiesto allora soccorso ad Alex Nove, provetto contemplatore di nuvole nel nostro Ufficio e stimato pollice verde. Ha riso vedendomi annaffiare un ficus- ammesso che fosse un ficus- che avevo piantato molti anni fa convinto che sarebbe diventato grande assieme a me, almeno quanto bastava per sovrastarmi in altezza. Invece non è mai cresciuto. Alex Nove è uno che ama le scorciatoie. Mi ha regalato una pianta alta quasi tre metri. “Conviene prenderle già grandi, non vale mai la pena di aspettare!” mi ha detto. Deve essere per questo che ha sposato una donna molto vecchia. Ammesso che fosse una donna. L’ultimo inverno ha seccato anche lei.

Marco Schintu
(Ufficio pesi e misure di Aristan)

Per sistemare il giardino c’è bisogno di gente esperta, non di dilettanti. Ho chiesto allora soccorso ad Alex Nove, provetto contemplatore di nuvole nel nostro Ufficio e stimato pollice verde (da

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA