LA COLOMBA E LA IENA


Editoriale del 21 settembre 2020

Roberto Malgesini, un sacerdote che, prendendo molto sul serio le parole di Gesù, dedica tutta la sua esistenza agli ultimi viene pugnalato a morte da un tunisino col permesso di residenza in scadenza e gravi problemi psichici.
Il giorno dopo Maurizio Belpietro, direttore di un quotidiano che si chiama “La Verità” in prima pubblica così la notizia:
Occhiello: L’ASSASSINO AVREBBE DOVUTO ESSERE ESPULSO.
Titolo a tutta pagina: SACERDOTE UCCISO DA IMMIGRATO MA DANNO LA COLPA AGLI ITALIANI
I toni e le argomentazioni del suo articolo sono facilmente deducibili.
Così accade che la morte di un uomo che stava dedicando tutta la vita al suo prossimo viene sfruttata contro quello stesso “prossimo” che lui difendeva per compiacere una politica che dell’odio razzista fa il suo cavallo di battaglia.
Qualcuno potrebbe definire quella di Belpietro una caduta di stile. Ma sbaglierebbe. Ho cercato le parole adeguate per definire questa “caduta di stile” ma ogni volta mi è montata l’ira, son trasceso, e per prevenire una denuncia ho dovuto buttare tutto. Così ho rinunciato. Dunque chiedo a voi la cortesia di trovarle, queste parole. Non fate sconti, sbizzarritevi, ma per cortesia non scrivetele su questa pagina, conservatele con cura nella vostra mente, e ogni tanto lucidatele. Fate in modo che continuino a scintillare come lame.

Editoriale di Filippo Martinez (Iracondo)

“Qualcuno potrebbe definire quella di Belpietro una caduta di stile. Ma sbaglierebbe. Ho cercato le parole adeguate per definire questa “caduta di stile” ma ogni volta mi è montata l’ira, son trasceso, e per prevenire una denuncia ho dovuto buttare tutto. Così ho rinunciato.”
Da LA COLOMBA E LA IENA – Editoriale di Filippo Martinez (Iracondo)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA