A MIO PADRE (e anche a me)


Editoriale del 13 Settembre 2013

Sei lì, disteso sul letto, con gli occhi chiusi.
Vestito in modo elegante, di blu, con una cravatta rossa.
Pronto per partecipare alla cerimonia.
Senza scarpe, particolare apparentemente senza importanza, fondamentale in realtà.
Sono venuti in tanti, parenti non visti da molto tempo, vecchi amici.
Nessun regalo, molti fiori.

“Who is
the sir, with eyes closed,
on his deathbed lying
and looks like me too much?”
(chi è
quel signore, con gli occhi chiusi,
disteso sul letto di morte,
e che mi assomiglia “così troppo”?)

Ing. Carlo Todde
Divulgatore Scientifico presso l’Università di Aristan

COGLI L’ATTIMO

 

da I pugni in tasca (1965) di Marco Bellocchio con Paola Pitagora, Lou Castel

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA