NEVE


Editoriale del 20 gennaio 2013

Molto spesso, nei miei spostamenti in Archivio, percorro la Galleria degli Arazzi Veneziani: un largo corridoio fiancheggiato da una grande vetrata che illumina gli arazzi sulla parete opposta. Reperti bellissimi che tuttavia trascuro per guardare verso il giardino oltre la vetrata, dove si erge una gigantesca scheletrica scultura di bronzo. E’ un’opera del Sandolino, artista ignoto ai più, ma apprezzatissimo dagli archivisti del ‘600 che lo esaltano nei loro diari. Raccontano che molte statue di Sandolino, apparentemente incomprensibili e sgradevoli, possiedono una bellezza nascosta capace di mostrarsi solo in un determinato momento della giornata, quando un particolare gioco di luci e ombre ne scopre la forma e ne rivela il valore. A diverse ore del giorno, inutilmente, ho cercato un barlume di bellezza nella scultura visibile dalla Galleria: un groviglio di aste scanalate da cui sporgono numerosi cucchiai grandi e piccoli pronti a raccogliere chissà cosa.
Pochi giorni fa: molto freddo e molta neve. Un fenomeno rarissimo in questa città mediterranea. Un evento pericoloso per l’Archivio, che richiedeva un attento controllo alla ricerca di eventuali danni. Arrivato nella Galleria degli Arazzi, guidato dall’abitudine, ho tuffato lo sguardo oltre la vetrata: immobile e terribile, un enorme drago bianco troneggiava nel giardino. La neve, sapientemente trattenuta da scanalature e cucchiai, completava e dava finalmente un senso alla straordinaria scultura di Sandolino. Un’opera destinata a elargire bellezza e meraviglia soltanto per poche ore ogni tre o quattro anni.

Carlo M.G. Pettinau
(Archivista dell’Oblio)

COGLI L’ATTIMO

 

da Desideria e l’anello del Drago (1994) miniserie televisiva diretta da Lamberto Bava e interpretata da Anna Falchi, Sophie Von Kessel e Franco Nero

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA