PANGEA, NOTIZIE DALL’IO: ANONIMO PARTIGIANO


Editoriale del 29 aprile 2013

Elisa, figlia mia adorata,                                                                         
è la prima ed ultima lettera che ti scrivo e scrivo a te per prima, in queste ultime ore, perché so che seguito a vivere in te.                                         
Sarò fucilato all’alba per un ideale, per una fede che tu, mia figlia, un giorno capirai appieno. Lo chiameranno in tanti modi,
cercheranno di attribuirlo a quella parte o ad un’altra. Lo faranno bianco, o rosso, o nero. Tu sappi che si chiamava e si
chiamerà sempre libertà ed è superiore alle parole degli uomini. Scrivo di fretta, perdonami. La notte si scolora nella feritoia e io fumo e accarezzo i mattoni della cella e mi paiono bellissimi. Sarai un angelo come tua madre e i tuoi occhi splenderanno e i tuoi capelli profumeranno
nelle primavere del futuro. Sarò nel balcone di casa tutti i sabati ad aspettarti quando tornerai con l’amore sulle labbra prima dell’imbrunire.
Studierai e avrai un lavoro e un marito e nella tua pace, nella vostra pace scorrerà invisibile il sangue dei fanciulli partigiani. 
Ai miei nipoti racconta che il nonno ha sentito la musica degli uomini nei suoi ultimi, immensi istanti. Dì loro che la vita è resistenza, una guerra 
gentile all’orrore e l’ingiustizia. Dì loro che l’orrore è dentro di noi, a lui dobbiamo resistere. Non importa che ti dica tutto ora. Te lo dirò per sempre. Dietro il quadro in soggiorno troverete un po’ di denaro. Date le mie cose ai poveri del paese. Tua Madre resti sempre per te al di sopra di tutto. Viva l’Italia Unita, viva la Libertà. Addio, Papà. 
Torino, 5 Aprile 1944.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

Poveri partigiani di Ascanio Celestini dal Premio Tenco del 2008

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA