PANGEA, NOTIZIE DALL’IO: BARACK HUSSEIN OBAMA


Editoriale del 17 dicembre 2012

“La signorina Soto, 27, ha affrontato l’assassino. Il resoconto di ciò che è accaduto differisce. Secondo quanto pubblicato su Tumblr da un amico, la Soto ha raggruppato i bambini in un ripostiglio, dicendo al ragazzo armato che la classe si era spostata in palestra. Secondo un’altra versione la maestra è stata trovata rannicchiata sopra i bambini. Quale che sia la verità, Lanza le ha sparato, rivolgendo poi l’arma contro se stesso”. The Indipendent.

Le guerre che facciamo lontano salvano il futuro della nazione e cancellano quello degli uomini. Non riesco a levarmelo dalla testa, lui e lei, Lanza e la Soto, uno di fronte all’altra mentre nella scuola la morte travolge tutto e ci sono piccoli polmoni pieni di sangue che respirano forte e poi si spengono. Cosa pensa un bimbo in quell’attimo? Nulla. È solo un grumo di terrore, solo fiato e dolore e occhi sbarrati sul soffitto. Non me lo levo dalla testa. Il volto della madre spappolato. Quella madre maestra, quella madre armata. E ora analisi e perversioni nei giornali. Dicono fosse malato e con i bimbi abbia continuato ad inveire sul corpo della madre. Per me uccideva l’America. E lei, il volto bello e la camicetta e l’accento gentile che educa i bimbi. E senza pensare, senza pensare. Lei difendeva l’America dal vuoto. Qualsiasi legge è inutile davanti ai demoni e agli angeli della nostra nazione.

“Ms Soto, 27, faced the killer, and saved her children. Accounts of what happened differ. One, posted on Tumblr by a friend, says that she had bundled the class into a large closet, and told the gunman that they had gone to the gym. Another says she was found huddled over the children. Either way, Lanza shot her, and then turned the gun on himself”. The Indipendent.

The wars we do far away save the future of the Nation and wipe out that of men. I can’t help thinking about that, him and her, Lanza and Soto, one in front of the other while in the school death overwhelms everything and there are those small lungs filled with blood that breathe noisily and then rest. What a kid thinks in that moment? Nothing. He’s just a clot of terror, just breathe and pain and eyes wide open on the ceiling. I can’t help thinking about it. The mother’s mangled face. That teaching mother, that arming mother. And now reviews and perversion on the newspapers. They say he was sick and on the kids he kept raging against his mother’s body. To me he killed America. And her, the nice face and the blouse and the accent that raise the kids. And without thinking, without thinking. She protected America form nothingness. Any law is meaningless when it faces the demons and the angels of our nation.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

da Scuola di polizia, Soto Mayor, sketch di Aldo Giovanni e Giacomo

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA