QUANDO LA FESTA È FINITA


Editoriale del 18 maggio 2013

Domenica mattina assisto alla nascita solitaria di un moscerino.
lo raccolgo e lo sistemo con cura in una scatoletta di cartone con un pezzo di mela, casomai gli venisse fame durante la mia assenza.
La sera finalmente mi ricordo, apro la scatola e lo prendo delicatamente.
Sta lì sul palmo della mano, mogio mogio.
“Cos’hai?”, domando.
“Sento che sto per morire, è questione di minuti”
“Santocielo, non stai bene?”
“Sono vecchio…”
“Come vecchio? Sei nato stamattina!?”
“Non hai senso della misura, mi hai tenuto tutta la vita chiuso in una scatola con una mela”
“Capirai, chissà cosa volevi fare in una giornata”
“Sei un coglione! Avevo il compito di riprodurmi, e invece niente. Oramai tutto è perduto”
“Ehh esagerato! Adesso andiamo in terrazza e cerchiamo una bella moscerina, vedrai come ti diverti..”
“Ma vai a cagare! sono stanco, è troppo tardi per quelle cose”
Rimango in silenzio  a pensare a qualcosa di sensato da dire a qualcosa di utile da fare, di recuperare in qualche modo il tempo perduto.
Ma sono soluzioni vaghe, inutili, troppo umane, le mie idee rimbombano in un cranio vuoto da dove sono andati via tutti. La festa è finita.

Piergiorgio Mulas

COGLI L’ATTIMO

 

da Animal House (National Lampoon’s Animal House 1978) diretto da John Landis. Con John Belushi

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA