QUASI SUL MARE


Editoriale del 8 maggio 2013

Per qualche ora l’Ufficio ha vissuto nella certezza che il folle che domenica ha fatto esplodere alcune pentole a pressione tra la gente che aspettava i ciclisti al traguardo – seminando il panico, ma per fortuna senza fare vittime- fosse il nostro collega Mario Bi, esperto in temporali isolati. La foto che ne mostrava il volto schiacciato a terra dallo scarpone di un poliziotto al momento della cattura non lasciava adito a dubbi: sognante, irridente, abbronzato, era lui. Il comportamento di Mario Bi non aveva mai destato sospetti; ma questo, si sa, non è un’attenuante. Per noi era una persona priva di eccessi, sempre molto discreta e riservata: tutto quello che l’Ufficio aveva sinora capito di lui è che amava il mare.
Ma il folle delle pentole a pressione era un altro. Il giorno dopo in Ufficio siamo stati tutti contenti di riabbracciare Mario Bi: come sempre era venuto al lavoro in ciabattine e costume da bagno, profumato di mango e di lime dei Caraibi.

Marco Schintu
(Meteorologo ad Aristan)

COGLI L’ATTIMO

 

Massimo Boldi in uno sketch del 1980 dallla trasmissione tv A tutto gag

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA