UN QUOTIDIANO FLUTTUANTE DAL 2012


Editoriale del 18 marzo 2019

LUCA FOSCHI, inviato di guerra di Aristan, con l’editoriale “Addio alle armi” ha abbandonato il “suo” lunedì. Tutti i lunedì, infatti, che piovesse o tirasse vento, che fosse in Afganistan o lungo la striscia di Gaza, dal 19 novembre 2012 (“Pangea, notizie dall’Io: Bibi Netanyahu”) non è mai mancato all’appuntamento coi nostri lettori.
Il primo editoriale di Aristan risale al lontano lunedì 9 gennaio del 2012, era intitolato “Tex all’Università” e portava la firma del compianto GIORGIO PISANO. Nello stesso anno, martedì 24 aprile, con l’editoriale “Otto e mezzo” esordì FABIO CANESSA, straordinario preside del Liceo Olistico Quijote, diventando da allora signore e padrone di tutti i martedì. Pochi giorni dopo, mercoledì 16 maggio, con “Terremoto”, entrò in scena il fuoriclasse MARCO SCHINTU dell’Ufficio Pesi e Misure di Aristan, che prestissimo si spostò al giovedì occupandolo militarmente per sempre. Circa due mesi dopo, il 10 luglio, firmò il suo primo editoriale (“Cartellino Rosso”) il poeta NINO NONNIS, Sa Cavana di Aristan, che intervenne a intermittenza sino al maggio del ’18 quando con “Il Manlio di Nino” si è insediato stabilmente nei venerdì. Il grande ANTONIO PINNA (Salmista ad Aristan) salì in cattedra più tardi, il 3 ottobre 2015 (“Faimì gràtia Deus”), diventando il “Maestro del sabato”.
In questo 2019 il mercoledì è relativamente libero anche se di solito si incontra la firma di ANTHONY WEATHERHILL che, con la collaborazione di CARMELO PENNISI, parlando di calcio, confeziona stupendi editoriali etico-filosofici.
Così, last but not least, siamo alla domenica. Ebbene dall’agosto del ’17 la domenica è stata conquistata stabilmente dalla Precaria di Aristan EVA GARAU, una diabolica ragazzina che il 24 febbraio di quest’anno ha battuto tutti i record di “audience” con 14.100 contatti, 392 like e 95 condivisioni. Una vera enormità per una pagina frequentata solo da lettori esigentissimi come la nostra. A lei va la copertina di questo editoriale mentre l’illuminato sindaco di Aristan, CRISTINA BOCCHETTA (e adesso non state a lamentarvi perché non ho detto “sindaca”, è lei che preferisce “sindaco” e a me sta bene), aiutata da tutta la redazione (CLARA SANNA) qui sotto ci offre un piccolo omaggio filmato con, in ordine alfabetico, i ritratti di chi ha collaborato col nostro quotidiano fluttuante dal 2018. I volti di tutti a partire dal 2012 li proporremo un’altra volta. Oltre a me, al sorprendente, straordinario “filmnauta” GIANNI STOCCHINO (tutti i giorni, dal primo editoriale, un filmato in sofisticata sintonia coi testi) e agli editorialisti citati, troverete i ritratti di BARBARA ALBERTI, MARIA GIOVANNA FERRARO, VIRGINIA SABA e GIANLUIGI SASSU. Il brano musicale che accompagna le immagini è “La musica che gira intorno” di Ivano Fossati.

Filippo Martinez (Rettore dell’Università di Aristan)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA