IN RICORDO DI MIA ZIA


Editoriale del 30 maggio 2019

Non so cosa avessero in mente quando hanno deciso di abbandonandomi su HRB798-b, pianeta dal diametro incredibilmente piccolo che ruota con un’orbita eccentrica intorno a RU487, un pallido sole di periferia. Il tempo qui scorre veloce, RU487 non fa tempo a sorgere che sta già tramontando. Ho girato questo minuscolo pianeta in lungo e in largo, ne conosco tutte le fratture, le pianure, i crateri. Le sue rughe, una per una, sono diventate le mie. Sono invecchiato in un batter d’occhio. Farò a tempo a ritornare sulla Terra? A guardare il mondo da distanze siderali si perdono i segni del tragico. Ad esempio si è dileguato il dolore per la recente scomparsa di mia zia Betty, avvenuta in circostanze singolari e con modalità esilaranti (strangolata da una sciarpa leopardata dopo aver inciampato su Aldo, il suo cane di piccolissima taglia). Svanito il ricordo della tragedia, resta però nell’universo quello del ridicolo.

Marco Schintu
(Ufficio pesi e misure di Aristan)

Non so cosa avessero in mente quando hanno deciso di abbandonandomi su HRB798-b, pianeta dal diametro incredibilmente piccolo che ruota con un’orbita eccentrica intorno a RU487, un pallido sole di periferia (da IN RICORDO DI MIA ZIA – Editoriale di Marco Schintu)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA