Salmo 189 LA FORZA DEI NOMI, SE AL PLURALE


Editoriale del 18 maggio 2019

1. Konrad Krajewski, elemosiniere papale, noto a tanti “notturni” romani come (don) Corrado, recidivo a riattivare contatori, prima di acqua, fatto a quanto pare non passato alla cronaca, e adesso di energia elettrica. Ormai basta il nome a scatenare discussioni, che si assomigliano molto a quelle famose sul dito che però voleva indicare la luna. Non ho nessuna intenzione di aggiungerne o provocarne altre. A me basta il nome. Lasciato del resto scritto sul luogo del “misfatto”, “fatto” a disperazione, per aver visto la faccia di altri nomi pronunciati al buio. Tuttavia, l’esposto presentato alle forze dell’ordine è «contro ignoti».
2. Significativo riflettere quando e perché i nomi delle persone scompaiono. Può succedere ogni volta che un qualsiasi sistema, civile o religioso, prevale sulla storia delle persone, e quando “uno che si crede” è interessato solamente al suo proprio nome. E allora lo accozza con titoli e sottotitoli a nascondere con la vanagloria sterili solitudini. Ideologia e teologia dello “scarto”, dice uno che tutti ormai chiamano Francesco
3. Domanda a Sergio Leone: Si dice che lei non ama essere considerato padre del western all’italiana. Perché? Risposta: Io, in genere, non amo proprio essere considerato padre, nemmeno dai miei figli. Infatti i miei figli mi chiamano Sergio. Perché, anche attraverso l’educazione che mi ha dato mio padre, ho considerato mio padre sempre un amico, più che un padre.

E rifletto, Signore, che il libro biblico dell’Esodo,
assunto a paradigma di molte liberazioni storiche,
e che certo contiene le «dieci parole» della “legge”,
comincia però dicendo: «E questi sono i nomi …».
 
Antonio Pinna (Salmista ad Aristan)

Domanda a Sergio Leone: Si dice che lei non ama essere considerato padre del western all’italiana. Perché? (da Salmo 189 LA FORZA DEI NOMI, SE AL PLURALE – Editoriale di Antonio Pinna)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA