Salmo 290 MA ALLORA LE PIETRE


Editoriale del 24 aprile 2021

«Muto come pietra», dicono tante lingue. «Surdu che pedra», si dice in Sardegna.
Ma allora le pietre sono mute o sorde? Nessuno, che io sappia, le ha mai prese per cieche.
E certo, dall’età della pietra, ne han visto di cose, le pietre.
 
E un giorno, alle porte di Gerusalemme,
pietra scartata e diventata angolare,
tu le hai immaginate gridare
ciò che i muti non volevano sentire.
Almeno tra pietre, un’intesa.
 
Antonio Pinna (Salmista ad Aristan)

“Nessuno, che io sappia, le ha mai prese per cieche.
E certo, dall’età della pietra, ne han visto di cose, le pietre.”
Da Salmo 290  MA ALLORA LE PIETRE – Editoriale di Antonio Pinna (Salmista ad Aristan)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA