SE IO FOSSI DONNA


Editoriale del 23 marzo 2018

Se io fossi donna sarei infastidita da quelle che, come Laura Boldrini, cercano sistematicamente di trasformare ogni attacco personale in un oltraggio verso tutto il genere femminile.
Se io fossi donna non sopporterei le crociate antistupro condotte con lo “stile” di Asia Argento che, per citare un solo esempio, ha reagito in modo scandalizzato e scomposto (mani sulla faccia, pugno chiuso e insulti: “Sei un animale!”) alle ragionevoli osservazioni mosse nei suoi confronti da Vladimir Luxuria nel salotto televisivo di Bianca Berlinguer.
Se io fossi donna (e avessi 21 anni) sarei molto irritata, nella circostanza appena citata, a sentir definire da Bianca Berlinguer “ragazzina di 21 anni” l’Asia Argento dei tempi di Weinstein, lasciando intendere che a quella età si debba avere una personalità confusa e una dubbia capacità d’intendere e di volere.
Se io fossi donna non mi identificherei con quelle che hanno ululato di sdegno quando Catherine Denevue e altre cento hanno affermato in un manifesto che “lo stupro è un crimine, ma il corteggiamento insistente o maldestro non è un delitto”.
Se io fossi donna prenderei vigorosamente le distanze da quelle che, interpretando il genere femminile come una categoria dello spirito, con una militanza estenuante diffondono un pericoloso concetto di diseguaglianza affermando che le donne sono sempre e comunque migliori degli uomini.
Se io fossi donna guarderei con ammirazione quelle che con orgoglio, con coraggio, con intelligenza, con fantasia e con forza hanno dimostrato e dimostrano coi fatti, giorno dopo giorno, quanto ogni discriminazione, ogni violenza, ogni abuso di qualsiasi tipo nei confronti delle donne sia particolarmente odioso, vile e criminale.
Se fossi invece Filippo com’i sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre e vecchie e laide lasserei altrui…
Ehi! No… Piano. Calme… Macché maschilista! Sto scherzando. Ho citato Cecco Angiolieri per divertimento… E che cavolo!

Filippo Martinez (Estetista di Aristan)

“Se fossi invece Filippo com’i sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre e vecchie e laide lasserei altrui…
Ehi! No… Piano. Calme… Macché maschilista! Sto scherzando. Ho citato Cecco Angiolieri per divertimento… E che cavolo!” Dall’editoriale SE IO FOSSI DONNA di Filippo Martinez

S’I FOSSI FOCO – di Cecco Angiolieri e Fabrizio De Andrè

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA