SYN ALEXANDRO: Capitolo 1


Editoriale del 26 maggio 2014

“A Mieza Aristotele mi diceva che il giovane non è un ascoltatore adatto per la politica, Kipiniaròs”, sussurra Alessandro con voce assente mentre con il capo e le pupille riproduce le traiettorie che i massi scagliati dalle catapulte disegnano nell’incendio del tramonto. Anche Alicarnasso è in fiamme. Il cozzare degli arieti sulle porte solleva un pulviscolo di schegge. Il Mediterraneo è una piccola pozza di pece alle nostre spalle. “Non ha esperienza della vita e segue l’istinto e la gloria. Aristotele non ha mai compreso che la politica è il luogo della forza e della fantasia. Passeggiavamo fra boschi e torrenti, e mi insegnò la vita delle seppie, perché i torcicolli hanno la lingua, come i porcospini si accoppiano stando ritti. A lui devo l’ordine dei miei sentimenti, non la loro virulenza”. In preda ai fumi del vino il comandante Perdica ha scagliato inutilmente il battaglione contro le mura. Alessandro è stato costretto a chiedere i corpi dei caduti al nemico. Nel linguaggio della guerra significa sconfitta. È la prima volta da quando a maggio abbiamo abbandonato Pella. Troia, Abido, Sardi e decine di villaggi si sono arresi al giovane re. A Efeso Alessandro ha imposto che il ricostruito tempio sia dedicato ad Artemide a suo nome. I cittadini, liberi dopo anni di satrapia persiana, si sono rifiutati: non è conveniente, hanno sostenuto, che un dio onori un altro dio. A curare gli affari del tempio è rimasto per Alessandro un eunuco iranico. “Presto prenderemo Alicarnasso, Kipiniaròs”. Sono passati pochi mesi ma già la voce di Alessandro è diventata per noi una macchia di colore potente e irreale, che affresca il futuro. “Lascerò la città in mano alla triste regina Ada e mi dirigerò a sud, lungo la costa fenicia. Poi scriverò ad Aristotele, per dirgli che attraverso veloce il suo cosmo stratificato di terra, acqua, aria e fuoco. Sono il vento”.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

Mina Mazzini – Io sono il vento – San Remo 59 – Mina50

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA