TI METTI? SI / NO


Editoriale del 20 settembre 2014

Una lettrice dell’edizione inglese di ARPS ci segnala questa bella lettera ritrovata in una scuola elementare londinese e ci chiede a che età ci trasformiamo da esseri meravigliosi in complicati burocrati.
Nelle letterina Lui si fa avanti, non ha il coraggio di dichiararsi di persona ma lo fa lasciando i suoi pensieri e le sue speranze a un foglio di carta spiegazzato. Evidentemente non punta tutto sulle sue capacità dialettiche, le sue qualità migliori sono ben altre: TI METTI? SI / NO.
Lei è una bambina seria ma pragmatica. Le donne lo sono molto più degli uomini e avremmo molto da imparare da loro se solo avessimo il tempo per farlo. È lusingata ma al momento è impegnata. Se la sua relazione dovesse finire, cosa non impossibile, lui sarebbe la sua prima scelta. Per non rimanere nel vago pone anche un termine: ne riparliamo tra un mese o due.
A un certo punto, cara lettrice londinese, decidiamo che la vita è troppo semplice se certe questioni sono risolvibili con un SI o un NO e la complichiamo con un “non so” che ci apre mille possibilità, mille aspettative e mille dubbi; siamo diventati grandi, siamo entrati nel mondo dei FORSE.

Piergiorgio Mulas
(Direttore di Ar Psicosomatica)

COGLI L’ATTIMO

 

Ti sento (1985 Stellita – Cossu, Marrale) è un singolo dei Matia Bazar

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA