TUTTO QUELLO CHE DICEVO ERA SBAGLIATO


Editoriale del 7 ottobre 2014

“Tutto quello che dicevo era sbagliato”. La frase, colta al volo, l’ha pronunciata fra sé e sé una studentessa dall’espressione stravolta e avvilita, mentre usciva dalla classe la professoressa di fisica che l’aveva appena interrogata. Con esito, a quanto pare, disastroso. Dal punto di vista della fisica, però, mentre da quello letterario la constatazione della poveretta mi è parsa un colpo di genio. Così asciutta e terminale, così apodittica e definitiva da non tollerare di essere dimenticata. Così mesta e lapidaria da fare un figurone sulla sua tomba, incisa a caratteri d’oro, una volta che sarà passata a miglior vita: “Tutto quello che diceva era sbagliato”. Se questa dichiarazione fosse vera alla lettera, ogni interrogazione del fenomeno alla rovescia sarebbe uno spasso. Già è divertente immaginare le risposte: “Dante Alighieri è nato a Tokio” a italiano, “Hitler ha predicato la fratellanza nel mondo” a storia, “1+1 fa 327” a matematica, e così via. Un vero portento da sbudellarsi dalle risate, altro che i banali somarelli a cui siamo abituati! Bisognerebbe esibire la superciuca nei circhi, come un tempo la donna cannone e l’uomo scimmia. Da non prendere sottogamba neppure come investimento economico: ci sarebbe da fare soldi a palate. Jorge Luis Borges vi avrebbe creato intorno un racconto memorabile, come quello di Funes sulla memoria: un personaggio condannato a sparare gigantesche stronzate ogni volta che apre bocca. Capace di dire “Sono sul mare” alla stazione, “Oggi è domenica” di mercoledì, “Piove a catinelle” in una giornata di sole accecante, “Sei bellissima” a una racchia inguardabile, “Hai una splendida forma” a un cadavere putrefatto. La perfezione assoluta, anche dell’errore, ci lascia ammirati fino alla commozione. E il fuoco d’artificio di cazzate si sublima nel metafisico.

Fabio Canessa
preside del Quijote, Liceo Olistico di Aristan

COGLI L’ATTIMO

 

dalla trasmissione radiofonica 610 (radio 2) uno sketch di Lillo & Greg

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA