PANGEA, NOTIZIE DALL’IO: BRADLEY MANNING


Editoriale del 3 dicembre 2012

Bradley Manning è un giovane analista informatico dell’esercito americano che ha diffuso, attraverso Wikileaks, oltre 250 mila documenti riservati e un video in cui due elicotteri USA uccidono 12 civili iracheni disarmati. In isolamento dal 2010, rischia 53 anni di carcere.

Curioso di sapere se tutti là fuori sanno e se immaginano che le palle sono l’unica cosa in libertà nel giro di due chilometri quadrati. Appendersi all’occhiello dell’armadio con l’elastico delle mutande. Dovevo tenermelo per me, sto colpo di genio. Chiaro che me le hanno sfilate. Chiaro che è tortura. Nulla a che fare con la roba che facevamo ad Abu Ghraib, eh, però. Merda. 23 ore in isolamento e gli incubi sono un brusio tutto attorno al vuoto. Lo rifarei? Sì. Perchè la guerra in Iraq è stata un merdaio inutile e gli americani devono sapere. Cazzo, visto quella roba dell’elicottero? Devono sapere anche che quello stronzo di Obama mi vuole dentro con tutto il cuore. Che è solo più sofisticato di quel pecoraro di Bush. Lo rifarei? No. Perchè uscirò di qui che sarò un vecchio che puzza di morte. O troverò la luce di dio e parlerò come tutti quei galeotti convertiti del cazzo. E l’America avrà vinto. Come in “1984”, quando toccano l’ultima corda, allora diventi grigio nel mondo grigio. E invece le scogliere del Galles di mamma erano infinite e le onde e la nebbiolina sulla faccia. E le pupe. Oh dio, le pupe.

Curious to know if everybody out there know, and if they imagine that my balls are the only free thing in two square miles. Hangin’ from the wardrobe’s buttonhole with the pants’ elastic. I should have kept it for myself, this smart idea. Of course they took them off. Of course it’s torture. Nothing to do with the stuff we made in Abu Ghraib, eh, though. Shit. 23 hours per day of seclusion and nightmares are a buzz around the emptiness. Would I do it again? Yes. Because war in Iraq it’s been a thorough and useless crap and the American people have to know. Fuck me, seen that stuff of the helicopter? They must know that prick of Obama wants me in with all his heart. That he’s just a sophisticated Bush. Would I do it again? No. Because when I’ll get out I’ll be and old man stinking of death. Or I’ll find god’s light, talking like all those fucking converted jailbirds. And America will be the winner. Like in “1984”, when they pick the last string, then you get grey in a grey world. On the contrary the cliffs of mummy’s Galles were endless and the waves and the tiny fog all around on my face. And the chicks. Oh god, the chicks.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

ASSALTO SU CIVILI INERMI

« Archivio »

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA