Salmo 81 RISORGERE… USCENDO DA OGNI “LIKE”


Editoriale del 15 aprile 2017

Vangelo di Giovanni 20] Come è che Maria la Maddalena e i discepoli vanno al sepolcro e trovano una tomba aperta e ordinata, come una casa, mentre Gesù trova la casa dei discepoli chiusa, come una tomba?
I discepoli hanno sprangato le porte e si son chiusi dentro per paura e per vergogna.

Oggi]
Quanti buoni motivi, troviamo, Signore, a sprangare porte e muri,
a chiuderci al sicuro con chi “Mi piace-I Like”.
Cerchiamo solo chi, sembra, ci somigli.
Agli altri, i diversi, neghiamo, si dice, l’amicizia.

Vangelo di Giovanni 20] La vergogna non è facile da togliere. Gesù deve salutare due volte dicendo: «Pace a voi», e mostrare le mani bucate e il fianco aperto, come già porte trapassate.
Più difficile ancora togliere la paura per ri-uscire a vivere e, riconosciuti discepoli del condannato galileo, anche morire. Una specie di respirazione bocca a bocca rianima polmoni e cuore: «Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi. Detto questo, soffiò e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». A chi devono perdonare questi discepoli in quel momento se non a quelli che hanno ucciso il loro Maestro? E perché pensate che il Respiro donato dia loro il potere di non perdonare? Se non perdonano non escono. E se non escono, vuol dire che restano in paura e vergogna, non accettando essi stessi di essere perdonati.
A dir il vero, uno di loro, Tommaso, il testo ce lo dirà dopo, è già fuori. Non ha paura? Non ha vergogna? Ne abbiam fatto l’uomo del dubbio, ma se è già fuori non è perché forse ha già una sua certezza? Si sente già “fuori” dalla storia? Ci vuol tempo ad aprirsi, a perdonarsi e perdonare. Una settimana dopo, però, anche Tommaso è lì, ancora a porte chiuse. Usciranno soltanto quando avranno capito quello che Gesù dice al fuoriuscito Tommaso: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto». Usciranno al mare a contare pesci pescati alla parola, usciranno a seminare, in terre aperte, beatitudine.

Oggi]
Signore, non tardare.
Attraversa, anche oggi, a risorgere
le nostre porte, chiuse.
E il vento, tuo respiro, porti semi a beatitudine.

Antonio Pinna
(salmista di Aristan)

Perché mi hai veduto, tu hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto (da Salmo 81 RISORGERE… USCENDO DA OGNI “LIKE” – Editoriale di Antonio Pinna)

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA