DODO, l’uccello che invano aspettò


Editoriale del 31 marzo 2017

Dodo era un uccello dalla splendida voce. Nel 1987 una femmina costruì un nido in un’isola delle Hawaii e cantò ogni giorno per richiamare un maschio che non giunse. Poi lo ricostruì l’anno seguente, nello stesso albero, e di nuovo cantò le sue melodie sperando di trovare l’amore. Ci riprovò infine per la terza volta nel 1989 e la sua voce fu ancora più bella. Ma nessuno arrivò. Quando si rese conto infine d’essere l’ultimo esemplare della sua stirpe smise di mangiare e attese la morte, che pietosa la portò con sé.

Antonangelo Liori
(Psicozoologo di Aristan)

Quando si rese conto infine d’essere l’ultimo esemplare della sua stirpe smise di mangiare e attese la morte, che pietosa la portò con sé (da DODO, l’uccello che invano aspettò – editoriale di Antonangelo Liori

l’ultimo Dodo

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA