IL GIRABACHINO


Editoriale del 9 maggio 2013

Definizione e modi alternativi dell’uso.
Il girabachino è un utensile costituito da un’impugnatura, un’asta di metallo con delle piegature a gomito che termina con un mandrino nel quale può essere inserita una punta conica elicoidale; così fatto, prima della diffusione del trapano veniva utilizzato dai falegnami per fare dei buchi nel legno;
Si usa imprimendo manualmente una rotazione: normalmente a destra per entrare e a sinistra per uscire, tranne rarissimi casi (metodo prodiano) nei quali si è girato a sinistra per entrare e a destra per uscire.
Con un girabachino di recentissima concezione a destra si gira per entrare e a sinistra invece lo stesso.
Lo strumento è stato utilizzato in modo intensivo dai governi italiani degli ultimi 25/30 anni per fare buchi: nell’acqua, nelle casse dello stato italiano e nelle tasche dei contribuenti appartenenti alle fasce indifese.

Ing. Carlo Todde
(Divulgatore Scientifico presso Università di Aristan)

COGLI L’ATTIMO

 

da I soliti ignoti (1958) di Mario Monicelli con Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Totò

« Archivio »

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA