IO, L'OLIMPICO E I FENICOTTERI ROSA


Editoriale del 27 aprile 2105

Se passa una stormo di fenicotteri rosa fra un quindici e l’altro è regola non scritta fra me e l’Olimpico che si aspetti prima di ricominciare col servizio. Regaliamo gli occhi al cielo vasto e azzurro. È un silenzio religioso. Come davanti a un culo teso eppure burroso che trafigge la strada, ma senza desiderio. È solo ammirazione per la loro delicata perfezione, il genio della struttura diseguale e leggera, la gerarchia della formazione in volo(1), il trascorrere esile eppure imperiale sul tempo identico e meschino. Nello stagno la loro moltitudine pacifica e pensosa, o l’improvviso esplodere della nuvola rosa in un caos ordinato dal movimento: il senso pieno, misterioso del loro esistere con eleganza nella natura infinita. Nessun attore nella storia del cinema riuscirà mai a dire “me ne fotto”(2) così, come un fenicottero rosa, superiore e inappartenente. I fenicotteri rosa sono migranti. I loro viaggi stagionali disegnano una gloriosa ragnatela tesa sul Mediterraneo. Da Cipro a Gibilterra e passando per Sardegna, Francia, Algeria, Tunisia, Libia, Grecia, Spagna e oltre, fino al Portogallo, il Marocco e l’oceano. L’oceano (3). Fin dentro l’Africa profonda. Senza fame, senza frontiere, senza usurai, senza violenza, senza morte, senza eserciti, senza umiliazione, senza dolore, senza dolore, come fratelli i fenicotteri rosa passano perché lo vuole il creato. Allora io e l’Olimpico ci guardiamo, per un attimo. Poi riprendiamo la nostra schifa partita di tennis(4).

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

COGLI L’ATTIMO

 

(1)Ludovico Einaudi, Nuvole bianche.
(2)Marlon Brando, Gli ammutinati del Bounty, di Lewis Milestone, 1962.
(3)Isole Aaran, quella volta che io e il Grizzly siamo stati a lungo in silenzio, sulla spiaggia. Gonfi di Guinness.
(4)Mi trovavo io al servizio. È seguito un doppio fallo. La partita è terminata sul 6-4\4-6.

da Fantozzi (1975) diretto da Luciano Salce, con Paolo Villaggio e Gigi Reder

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA