MEGLIO CALVI CHE MALE ACCOMPAGNATI


Editoriale del 19 giugno 2017

A Milange, città nel cuore del Mozambico, i cadaveri di due uomini sono stati ritrovati dalla polizia, decollati e sbudellati. L’efferata macelleria pare abbia ragioni superstiziose. Streghe locali avrebbero indicato le entragne dei maschi calvi come oscura fonte di ricchezza. Darei una piccola salsiccia di retto per assistere al rito e cavarne un reportage. Ma ciò che viene dalla breve cronaca del sempre curioso Guardian è la vecchia radiazione narrativa del quinto stato mondiale, i miserabili non baciati dalle rivoluzioni moderne: una ciurmaglia multicolore più vicina alla caverna che alla casa con giardino e posto macchina. Non intendo negare che costoro manchino di certi principi illuministici, soprattutto in periferia. E non mi dilungherò sullo sfascio culturale e materiale portato dagli europei civilizzatori. Ma trovo davvero poche differenze, se il nodo è la superstizione, rispetto a certe abitudini delle grandi democrazie d’occidente. Lasciate perdere Trump, troppo facile. Prendete quei ciarlatani postmoderni e prefascisti del Movimento Cinque Stelle. Gli vanno in pappa le elezioni, la sindaca di Roma è perduta nel labirinto burocratico di monnezze e buchi per strada, e che fanno?! Svolta a destra! Via dalle città neri, gialli, verdi, rom, arabi e pezzenti! Pura razza italiana! Sbudellamento democratico! Welfare! Ospedali, asili, assegni di disoccupazione e cittadinanza! Padani, nazionalisti e Case Pound si commuovono! Epifanie! In culo a Kant! Il popolo abbocca o non abbocca, certo che abbocca, e il povero cronista si ritrova solo, svuotato anche lui dell’istinto per la descrizione icastica. Niente mani intrise di sangue in una capanna nella savana, niente fumi che esalano fra i tetti di bambù, niente seni mosci e bocche sdentate. Niente acciottolio di collane e bastoni battuti nella polvere. Niente di niente, solo una massa invisibile d’illuminati che si arroventano tristi nelle macchine sulla via per Ostia.

Luca Foschi
(Inviato di guerra da Aristan\ Aristan’s war correspondent)

Via dalle città neri, gialli, verdi, rom, arabi e pezzenti! Pura razza italiana! Sbudellamento democratico! Welfare! Ospedali, asili, assegni di disoccupazione e cittadinanza! Padani, nazionalisti e Case Pound si commuovono! (da MEGLIO CALVI CHE MALE ACCOMPAGNATI, editoriale di Luca Foschi)

Da Bronx (1993) diretto , prodotto e interpretato da Robert De Niro

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA