RIMPIANTI


Editoriale del 21 novembre 2012

Ho sempre invidiato chi da solo attraversa oceani o deserti, io non ci riuscirò. Manca solo un mese alla catastrofe planetaria e comincio a chiedermi se morirò vaporizzato assieme a tutti voi o se avrò la fortuna di vivere qualche secondo in più, quanto basta ad assistere alla scomparsa dei marziani, degli imballaggi e di mio cognato. Sono piuttosto basso, seduto in macchina vedo più cielo che strada e la cintura di sicurezza mi taglia il volto. Nonostante ciò qualche giorno fa sono riuscito a salire sul monte Titano- il solo nome basti a spiegarvi la difficoltà dell’impresa- contando di tornare giù col viso sanguinante ma in santa pace. Bene, mio cognato, uno che non esce di casa senza il coltellino svizzero, era già lì che mi aspettava con un carnet di buoni pasto. Al ritorno ha guidato lui. Moriremo abbracciati.

Marco Schintu

COGLI L’ATTIMO

 

Mio cuggino è un brano di Elio e le storie tese tratto dall’album Eat the Phikis del 1996

« Archivio »

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA