UNO PENSA CHE ESSENDO UN MOSCERINO, CERTE COSE NON GLI CAPITEREBBERO MAI


Editoriale del 12 settembre 2015

Fino a poco tempo fa, prima che diventasse il modello animale maggiormente studiato a cui dobbiamo gran parte delle conoscenze genetiche, il moscerino della frutta mangiava e si accoppiava senza particolari problemi esistenziali.
Quando gli scienziati hanno messo occhio sull’animaletto hanno immediatamente notato che l’organo maschile è ricoperto da ciuffi.
Per comprendere la funzione dei peletti, sarebbe stato necessario depilarlo e osservare le conseguenze, ma non avendo a disposizione un rasoio microscopico, si rischiava di fare di tutta l’erba un fascio.
Hanno quindi realizzato un laser ad altissima precisione per radere le parti intime dei moscerini.
Confrontando le prestazioni sessuali di maschi rasati, non rasati e parzialmente rasati, hanno scoperto che quel pelo aiuta il maschio a tenersi ben attaccato alla femmina. Senza, scivola via!
Non sarà una grande scoperta per l’uomo nemmeno per il moscerino che probabilmente già lo intuiva, tuttavia il confine dell’ignoranza è stato spinto un po’ più in là.

Piergiorgio Mulas
(Direttore di Ar Psicosomatica)

COGLI L’ATTIMO

 

La distrazione (Negramaro 2007) in versione live

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA