COSA C'È DIETRO UN NUMERO? C'È IL PAESE DELLE MERAVIGLIE


Editoriale del 5 ottobre 2013

Lewis Carroll, autore di “Le avventure di Alice nel Paese delle meraviglie” e del suo seguito “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”, era un matematico sognatore; un vero divulgatore dei diritti civili dei sogni nello Stato di Veglia. Nei suoi libri è riuscito a descrivere la matematica come un gioco: un gioco fatto di Disdegno, Sguizzo e Frittura a olio; un gioco estremamente logico, seppur all’apparenza non lo sia, in cui ogni frase trova un senso se spiegata con la matematica, la fisica o la semantica. E in fondo che cos’è la matematica, se non il frutto della fantasia di chi l’ha creata? È vero, la matematica descrive il mondo, ma poi va oltre il mondo: inventa luoghi e tempi che potrebbero esistere ma che non per forza ci sono, come il Paese che visita Alice. Ci si potrebbe chiedere allora: il Paese delle Meraviglie… è un mondo irreale? Alla fine del primo libro, Alice si risveglia: scopre di aver sognato tutte quelle avventure. Poi il secondo libro si chiude con questa frase: “La vita che cos’è, se non un sogno?”
Dunque noi viviamo un sogno. E il sogno di Alice… è la realtà.

Raffaella Mulas
(Studentessa fuorisede di Aristan)

COGLI L’ATTIMO

 

uno scherzo telefonico di Frank Matano

  • MANIFESTO DI ARISTAN


    ANTEPRIMA
  • PROMO ARISTAN ROBERTO PEDICINI


  • INNO


  • IL TEMPO DEI TOPI DI FOGNA


  • CIAO NADIA